Tastiera meccanica

E’ un attrezzo che volevo provare da molto tempo, ma visto che la maggior parte della mia attività di scrittura si svolge su un notebook che mi porto in giro, non mi ero mai deciso.

Ora questa lunga permanenza a casa, e un po la noia, mi ha convinto a comprare questo strumento di tortura uditiva per chi mi sta intorno. Si perchè fa un rumore paragonabile ad una vecchia macchina da scrivere.

Però, per il resto, mi chiedo come ho fatto prima di oggi. La scrittura è infinitamente più comoda e piacevole. Come farò a tornare ad usare la tastiera del notebook?

La tastiera scelta è una Ajazz AK33, con layout ridotto (come si vede nella foto), ha un discreto peso, data la struttura metallica e giochi di luci molto vari, non che la cosa mi interessi molto. E inoltre ha il layout americano, cosa estremamente comodo quando si programma. Ecco un po’ meno quando si scrive in italiano ma comunque si può cambiare e anche se quello che è stampato sul tasto non corrisponde a quello che viene scritto non è un problema. Diciamo che il layout italiano lo so a memoria. Un po’ meno quello americano per cui ogni tanto guardo i tasti per sapere cosa scrivere.