Cambio di server

Il mio hoster (OVH) una decina di giorni fà ha deciso unilateralmente di spegnermi il VPS. Certo non subito, ma non è stata certo una cosa gradita. Utilizzavo da tempo il pacchetto “VPS Classic 2014” che hanno deciso di dismettere. Il nome in effetti non fa intendere che sia un offerta all’ultima moda. Ma ci avevo perso un bel pò di tempo a configurarmelo a mio piacere, come si può leggere sotto a partire da questo articolo e successivi seguendo il tag VPS.

Dopo quasi 5 anni devo dire che la configurazione si è rivelata efficace e non mi ha mai dato particolari noie. Solo qualche update ogni tanto dei pacchetti.

Ora però non avevo voglia di rifare tutto da capo, la macchina non era clonabile sulla nuova piattaforma e cosi mi son fatto tentare da un configurazione pronta con pannello amministrativo, virtualmin, che devo dire ha reso la migrazione facile e veloce. Ed ha praticamente tutto. Vedremo se durerà altrettanto.

L’unica cosa che non ho riconfigurato è una vpn, ma ci sarà sicuramente da qualche parte un plugin. Seguirà post se ne vale la pena.

Migrazione

Server fatto, sembra (sembra) stare online senza generare fastidi per cui ho iniziato a girare il primo dominio, Redonweb.com che era una alias per questo stesso blog.

Ora quindi viene visualizzata l’installazione di questo blog sul nuovo server. I contenuti sono disallineati di qualche giorno. E c’è qualche “prova”.

I contenuti non possono essere allineati perchè l’installazione per via di limiti di Aruba, che rende inaccessibili i suoi server Mysql all’esterno della propria rete, ne permette agli hosting di usare un server Mariadb esterno.

Addio all’hosting parte 4 – Ottimizzazione

PHP ha questo fastidioso problema che è stato concepito come se la RAM e la compilazione fossero il peccato originale.

Ne consegue che, con l’approccio di base, quando chiedete una pagina il povero webserver lancia PHP indicandogli la pagina richiesta, questo si legge lo script, processa tutti i file da includere, in modo ricorsivo, e quando ha finalmente lo script completo, lo trasforma in codice eseguibile (a.k.a. lo compila just in time) e come ultima cosa lo esegue. La cosa è immensamente inefficiente se deve essere fatta ogni volta che viene richiamata una pagina. Sarebbe bello delegare ad altri il linking e la compilazione per lasciare al sever solo l’esecuzione ma questo è molto complesso da fare con PHP (anche se qualcuno lo ha fatto) percui ho scelto l’approccio più tradizionale della cache.

Ci sono due moduli che possono venirci in aiuto APCu e OPCache.

Il concetto di base è di non rieleggere (e possibilmente non ricompilare) file messi in cache.
OPCache in particolar modo memorizzare il bytecode risultante dalla compilazione delle pagine in memoria e quindi raggiunge l’obbiettivo dell’efficienza. Su un server di produzione con aggiornamenti poco frequenti si possono calibrare le impostazioni per ricompilare il meno possibile.

La mia configurazione di OPCache assomiglia a questa :

zend_extension=/usr/lib64/php/modules/opcache.so
opcache.enable=1
opcache.memory_consumption=128
opcache.interned_strings_buffer=8
opcache.max_accelerated_files=4000
opcache.revalidate_freq=120
opcache.blacklist_filename=/etc/php.d/opcache*.blacklist

In particolar modo la frequenza di rivalidazione a 2 minuti mi è sembrata ragionevole ma può essere ulteriormente aumentata. Il valore è in secondi, più sale e più aumentano gli hit della cache, ma aumenta anche il tempo che passa tra quando una modifica viene caricata sul server quando effettivamente diventa visibile.

OPCache è incluso di default a partire da PHP 5.5, ma nella mia installazione ho ancora PHP 5.4 quindi è necessario installarlo separatamente.

Come risultato ho un Time to first byte per wordpress di 0,4s e download dell’html in 0.6s. In hosting (dove immagino ci siano persone che pensano molto come ottimizzare i server in quanto ottimizzazione uguale minor costi) 0,45s e 0,8s

Con phpBB il Time to first byte scende addirittura a 0,13s e html completo in 0,52s .

Addio all’hosting parte 1

Si ci sono ricascato, costano poco percui mi sono detto… perchè pagare n hosting ( n<10 ) quando puoi prenderti un VPS, farci quello che vuoi e vivere felice.

La prima risposta di una persona sana di mente direbbe perchè lo devi gestire e non hai il tempo per farlo. Ma visto che non lo sono chissene.

OVH vende vps ad un prezzo ridicolo quindi ne ho preso uno per qualche mese e vediamo che succede. La scelta è ricaduata su server CENTOS 7, 64bit, 1 giga di ram, 1 vcore e 10 giga di spazio.

Nelle prossime puntate le scelte che ho fatto e come è andata a finire.