Ancora web3 (o web semantico)

Da Siti Webmarketing:

“Dove posso andare in vacanza quest’estate?

La vera rivoluzione non sarà tanto legata all’offerta di qualche destinazione per la vacanza, d’atra parte riportare la domanda come citata sopra o scrivere a google “vacanze estive” non è molto differente, anzi è forse più semplice la seconda soluzione alla luce del fatto che molti si sono adattati al linguaggio di google, visto che lui non si adattava al nostro. La vera rivoluzione, dicevamo, sta nelle intenzioni: quando il motore di ricerca potrà comprendere che dietro quella domanda c’è il mio odio per la montagna, amore per il mare, disponibilità di budget e ferie sempre di due settimane, allora avremo veramente fatto un passo avanti verso la soluzione del problema della ricerca. Si potrebbe pensare che tutto questo è utopia e che nemmeno noi sappiamo con certezza alcune di queste cose, il futuro però dipende dal passato ed è legato alle abitudini. Google già permette di accettare che il motore tenga traccia delle azioni dei singoli utenti al fine di offrire risultati di ricerca migliori adeguando i futuri alle ricerche passate. Se ad esempio nelle mie ricerche compare spesso la parola mare, probabilmente il mese prossimo alla mia ricerca “vacanze” saranno le mete di mare a comparire in testa ai risultati restituiti.”

Prima di tutto devo dire che preferisco leggere di Giorgio Soffiato quando parla più di marketing e meno di tecnologia. Il concetto infatti viene appena accennato, si parla di web semantico e di motori di ricerca semantici senza andare a fondo. Ok si intuisce che se si aggiunge la parolina magica “Semantico” quel qualcosa si trasforma in una macchina da risposte.
Un motore di ricerca semantico semplicemente prova a comprendere quello che gli viene chiesto in linguaggio naturale. Ricordate Clippy di MS Office di qualche anno fa ? Ecco quello era un motore di ricerca semantico per la guida in linea. Triste vero ?

Bisogna chiaramente andare oltre. E andare oltre non significa che il motore di ricerca debba necessariamente conoscere la mia preferenza verso il mare o la montagna, ma che tanto per iniziare, almeno comprenda la domanda. E non risponda a caso se non la comprende, chiedere di specificare meglio è lecito. I meccanismi di disambiguazione sono allo studio, ma sono difficili da realizzare. Perché la corretta comprensione di una frase si basa, in gran parte, sul background culturale comune di chi la pronuncia e di chi la ascolta. Senza contare che la cosa è in continua evoluzione. E anche se oggi trovassimo in un cassetto l’algoritmo e le regole per l’interpretazione di frasi in linguaggio naturale, difficilmente questo sarà ancora valido tra 5 anni.

Un altro triste esempio di come i computer sono ben lontani da capire quello che le persone scrivono sono i programmi di traduzione automatica. Nonostante sia disponibili sul mercato consumer da 10 anni (a quanto ricordo io…) ancora siamo lontanissimi da una traduzione efficiente. Di certo non perche il computer non ha in memoria le regole di entrambe le lingue. Neanche perché ha un dizionario sotto-sviluppato. Ma perché non capisce il senso di ciò che traduce e quindi non riesce a preservarlo nella lingua successiva.

In definitiva ripeto quello che ho scritto qualche post fà. Prima deve venire una intelligenza artificiale sufficientemente sviluppata da comprendere il senso del linguaggio naturale e di stare al passo con la sua evoluzione, e poi avremo il web semantico. Quello vero. Non una barzelletta da informatici come è stata Clippy.

Il Cliente che sa troppo

A volte, anzi troppo spesso, ci si imbatte in clienti del modello “So-tutto-io” che alterano disegn, si inventano funzioni che non servono a nulla, bocciano mokeup vincenti per banali motivi, cambiano claim per motivi stupidi … che questa animazione gli sia da monito: