Per arricchire la statistica

Ho fatto il test del nytimes, dopo aver letto il post su Il Post.

Pare che la mia abilità di filtrare distrazioni sia buona. Nonostate il mio odio verso le distrazioni e il mio sentirmi particolarmente vulnerabile ad esse. Probabilmente c’è di peggio.

Quanto al multitasking soffro un pò di context switching ma tuttosommato i risultati non sono male. Anche se questo secondo test mi ha richiesto decisamente maggiore concentrazione. Forse perche io associo pari a vocale mentre nel test un solo pulsante descriveva sia vocale che dispari mentre l’altro stava per consonante e pari.

In definitiva comunque pare che io non sia un multitasker. Anche se IMHO le performance personali possono essere molto influenzate dalla condizione mentale del momento. Ovvero la mattina potrei essere ancora meno multitasker (o con più capacità di concentrazione…) di quanto sono alle 20:51 di sera.
E questo sembra voler dire che non ho riprogrammato il mio cervello per gestire più stimoli contemporaneamente (e di gerstirli tutti male IMHO), come qualcuno sospetta che stia avvenendo in una parte della popolazione sovraesposta alla rete e alla multimedialità. Nonostante la mia indiscutibile sovraesposizione alla rete.

Comunque se è vero che si allena il multitasking è vero anche che si allena la capacità di concentrazione, e che non sono due cose in contrapposizione. Esistono situazioni in cui è richiesta capacità di focalizzazione  e situazioni dove è premiante il multitasking, mentre in questi test il multitasking è trattato come il “prodotto di scarto” della condizione di non avere capacità di concentrazione. Che con tutto il rispetto per i ricercatori di Stanford, mi pare una semplificazione non trascurabile.

Questa voce è stata pubblicata in debugging e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.