Correre o non correre

In tempo di NON coprifuoco, con l’Italia NON chiusa ma caldamente invitata ad essere più asociale che mai la corsa, sport solitario che si può praticare in gruppi grandi a piacere, si adattata molto bene.

Quindi si ho deciso che sì: potevo correre, da solo, in periferia, girando molto al largo da sparuti passanti pur rispettando l’essenza di quello che ci viene chiesto di fare e non causando pericolo ne a me ne agli altri.

Lo rifarò a breve.

Ransom32 Is a JavaScript-Based Ransomware That Uses Node.js to Infect Users

“Ransom32 may be the first cross-OS ransomware family. A new type of ransomware has been spotted, the first of its kind, a ransomware that uses JavaScript to infect its users, being coded on top of the NW.js platform.[…]” Un ottimo motivo per mettere node.js tra i virus riconosciuti da tutti i principali AV. Bellina anche l’idea del RaaS. Ormai è tutto as a Service.
http://news.softpedia.com/news/ransom32-is-a-javascript-based-ransomware-that-uses-node-js-to-infect-users-498342.shtml

Linux torna sul desktop…

IMG_5979… il mio.

Sono passati tanti anni da quando installavo linux su un client. Erano i tempi in cui frequentavo l’università.

Ehm … ok questa non è una discriminante.

Riproviamo.

Ai tempi in cui facevo finta di studiare, avevo sempre almeno una installazione di linux con cui giocare. In genere sul portatile, perchè il desktop si prestava e si presta tuttora molto di più ad un utilizzo videoludico che ovviamente non è compatibile con il sistema operativo open source. Poi ho smesso di utilizzarlo come client/desktop accontentandomi di usare il sistema di turno attraverso una connessione SSH. Quindi di fatto è qualche anno che non provavo una distribuzione orientata al consumatore.

Oggi ho riflettuto sull’avere 400Gb liberi sul pc desktop ormai trasformato in una pesante mattonella da un non meglio precisato virus… perchè non utilizzarne una parte per una installazione di qualcosa che ci si augura non si rompa cosi facilmente?

Scaricato una bella iso di Kubuntu (gnome mi faceva vomitare all’epoca, e mi fa tutt’ora lo stesso effetto).

L’idea è cmq di avere una versione funzionante di entrambi i sistemi. Alla fine a rFactor e al Logitech DFP ci tengo. Ma per il resto forse è meglio usare le alternative. Ma quelle senza il logo della mela marcia smangiucchiata.

L’ installazione comunque necessita l’utilizzo della shell. Perche, mi chiedo, ntfsresize non pò avere un frontend grafico integrato nel processo di installazione non è dato saperlo. E poi perchè devo cancellare una partizione per ridimensionarla. Cioè … sono cose che alla psiche non fanno un gran che bene. Firefox è alla versione 3.0 e il sistema di aggiornamento integrato è disabilitato. I driver grafici sembra che non sfruttino appieno l’accelerazione hardware, probabilmente dovrò installare qualche accrocchio fatto da NVidia. Per il resto sono sempre stupito da come il protocollo SMB funzioni eccezionalmente bene se emulato da samba mentre faccia cosi profondamente schifo in modalità “nativa” sotto windows.

Ma dall’ultima volta i passi avanti sono comunque enormi. Per esempio inserisci una chiavetta USB e semplicemente funziona senza modprobe e mount. Cose semplici ma che rendono felice un utente.

Apple si è preso l'influenza

Apple è microsoft al quadrato. Prima il grande pubblico se ne rende conto è meglio è. Ms perlomeno si limita al monopolio del software, apple punta anche a quello dell’hardware. Quindi il think different ve lo potente anche risparmiare.

Detto questo ecco la tanto attesa dimostrazione che i virus esistono per windows perche detiene il 90% del mercato e non esistono per Apple perche era poco diffuso.

Per Unix e derivati sono sempre esistiti e non richiedono neanche l’interazione dell’utente (essendo questi sistemi dedicati ai server) e vanno sotto il nome di worm / root kit / exploit etc etc. Anzi il primo caso di infezione di sistemi unix autoreplicante è parecchio vecchio, “festeggia” quest’anno la sua seconda decade.