Le reti come bene comune.

Le reti elettriche, stradali, di telecomunicazioni, idriche sono un bene pubblico. Troppo vitali per poter essere sottoposte ad aziende che, ovviamente, fanno il loro interesse.
Ne sono convinto da quando è stata fatta quella porcata enorme della privatizzazione di telecom. Trasformando le telecomunicazioni italiane da monopolio pubblico a monopolio privato. Bella roba. Se proprio monopolio deve essere che almeno sia pubblico.
Se con un pò di lungimiranza fosse stato privatizzato solo il front-end con i consumatori e mantenuta pubblica la rete ( paga coi nostri soldi … ) ora ci sarebbe un pò di concorrenza e non pagheremmo l’adsl il doppio che nel resto d’europa.

Quello che mi ha portato a questa riflessione è un articoletto su Slashdot che fa piu o meno cosi:

“An important piece written by a Columbia Law professor addresses sensitive questions about the future of the Internet: “Is it a problem if the gatekeepers (i.e. a duopoly of the local phone and cable companies) discriminate between favored and disfavored uses of the Internet? How would you take it if AT&T makes it slower and harder to reach Gmail and quicker and easier to reach Yahoo! mail? What if I-95 announced an exclusive deal with General Motors to provide a special “rush-hour” lane for GM cars only? Is there something special about “carriers” and infrastructure–roads, canals, electric grids, trains, the Internet–that mandates special treatment? Should content providers like Google, or subscribers like us, pay for the bandwidth consumed?” Here’s hoping that sites like Google Techtalks and Channel 9 remain ‘free’ and available for the next 10 years.”

Girandola all’italiana …
Cosa succederebbe se Autostrade per l’Italia facesse una corsia dedicata alle auto di una sola marca? O se, cosa piu realizzabile senza grosse rivolte popolari, Telecom applicasse tariffe differenziate in base al gestore del cellulare che chiami …

Oh ..

Cosa dite? … Lo fa già ? … E con la portabilità del numero non c’è modo di sapere quanto si spenderà a chiamare un cellulare ? … Che bello.

E se invece prediligesse il traffico internet verso il suo portale multimediale “RossoAlice” rallentando quello verso altri siti ?
Ah ma fa gia anche questo ? La vostra Alice 4mega va a 4mega solo su quel portale ? Ma daiiiii….

Ritornando al discorso Autostrade non vedo l’ora di avere una corsia preferenziale per la mia BMW.

1 Comment

  1. beh, visto che Autostrade S.p.a ormai è spagnola, mi sa che dovrai comprarti una seat 😀

    Comunque la corsia preferenziale c’è già: è quella del Telepass. 2 km prima e 2 dopo ogni casello strisce gialle a manetta. Solo che qui paghi un canone aggiuntivo alla normale tarifffa, rischi incidenti ogni giorno perchè a volte è a dx e a volte è a sx, con conseguente incasinamento di camion e rintronati e spesso trovi giù la sbarra e quello davanti che fa la retro.
    Telecom poi è così ignorante che i 4mb sul portale RossoSalsicce li darà solo al mattino, perchè con la normale utenza delle 10 di sera collegata comunque ci saranno i colli di bottiglia.

    Giusto due esempi per dimostrare che spesso le tattiche disoneste si ritorcono contro chi le applica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.