b0sh.net

Proudly debugging the system since 1981

Mese: Dicembre 2006 Pagina 1 di 3

Daoc – DOL e server non ufficiali

Le possibilita di giocare su server non ufficiale (e quindi gratis) sono aumentate da qualche tempo.

Lo staff che segue DOL, ovvero l’emulatore di server, ha lanciato un proprio server di test e ha ricominciato lo sviluppo, fornendo un ottima base comune per tutti gli altri server. E a questo proposito è in beta una nuova versione. Il caro vecchio instant50 a quanto sembra ha appena subito una serire di aggiustamenti tecnici ed ora è raggiungibile all’indirizzo www.instant50-rvr.de. Putroppo han fatto un bel wipe degli account inutilizzati da tempo.

Ah … il teurgo è ubber e i pet funzionano. Anche gli ICE.

Perderò ancora vagonate di tempo attaccato al monitor?

Link da seguire

Eragon

Il film.

Evitatelo! Specie se avete piu di otto anni e magari avete anche letto il libro.
Il libro non brilla per l’intreccio particolarmente complesso ma è tuttosommato ben costruito, a metà tra il fantasy e il romanzo di formazione, il mondo completamente di fantasia si regge bene in piedi e non si contraddice mai e i personaggi sono ben delineati.
Nel film sparisce il lato “romanzo di formazione”, cade in contraddizione e sono evidenti certe forzature, i personaggi sono a dir poco dimezzati e senza personalità.

Una delusione completa…

Pessimismo, consumismo, petrolio e Natale

Da Petrolio.blogosfere.it a sua volta tratto da wikipedia:

– Lo scambio consumistico di regali in costose carte da regalo, molti dei quali inutili o sgraditi, contribuisce ad aumentare la quantità di rifiuti che finiscono nell’ambiente, a meno che i consumatori non decidano… di riciclarli.

– La coltivazione di alberi di Natale da usare per poche settimane, prima di essere mandati in discarica, rappresenta una monocoltura che riduce la disponibilità di terre arabili.

– Gli alberi di plastica sono realizzati con procedimenti dannosi per l’ambiente.

– Le decorazioni natalizie finiscono anch’esse in discarica. Le luci decorative consumano elettricità, prodotta anch’essa con danno all’ambiente.

-L’aumento dei viaggi per vacanza o per visite coinvolge il consumo di combustibili fossili.

Ho fatto pochi regali, nessuno per piacere di consumare, ma tutti con la certezza che sia stati graditi e a volte necessari. Non ho comprato alberi di natale, ne io ne la mia famiglia, ne in plastica ne veri. Sono stato a casa a natale e lo sarò anche a capodanno. Nessuna decorazione inutilmente lampeggiante è stata installata nelle mie vicinanze
Sono quasi un ecologista responsabile.
Se non fosse che questo pomeriggio ho bruciato circa 13 litri di benzina per puro piacere…
Se non fosse che ho mangiato cose provenienti da ogni parte del mondo, il cui costo è dovuto al trasporto e non alla produzione …
Se non fosse che tutto questo, per un attimo, ha dato un senso al nostro modo di vita … mi sentirei in colpa.

Nuovo browser game di Gameforge

Si, quella di ogame e travian. Ma anche di bitefight e metaldamage.

Ora è uscito anche BattleKnight, e mi sono registrato sul server 3.

Se qualcuno mi vuole cercare rispondo al nome di boshotto.

Accesso libero a dark and light

Dark and Light, new access mode revealed: Discovery Mode
Come back to Ganareth and invite your friends to join you in this adventure!

It’s all very simple: All you need to start playing is a valid Dark and Light Forum account.

It’s free: As soon as your forum account is activated, you can start playing immediately for free.

No time limit: This access is active for the whole lifetime of Dark and Light.

What’s the trick? No trick, just the goal to give most players the chance to start an unlimited adventure in the world of Ganareth.
From the 10th level, the gamer continues the adventure with no limit but he cannot collect more XP points (Fighting, Social, and Craft).
If he decides to keep progressing though Ganareth, he will have to buy a Dark and Light activation key and will have to choose to be either a Freedom or a Master player.

For more information about the different offers available of Dark and Light, click here.

In sintesi che si dice? Si puo provare dark and light gratuitamente e senza limiti di tempo. L’unica limitazione è che a livello 10 il personaggio si blocca e non expa più. Per andare avanti bisogna pagare. Io magari una prova la faccio…

Perla di natale

Senza nessuna pretesa di validità matematica, l’inghippo c’è, ma è esteticamente bella quindi la posto

1=2

Eccoti un classico, la dimostrazione che 1 = 2.
Prendi due numeri a e b e immagina siano uguali:
a = b

Moltiplica tutti e due i lati per lo stesso numero, ad es. a, per cui l’eguaglianza tiene:
a^2 = ab

Sottrai da ambo i lati lo stesso numero, b^2, per cui l’eguaglianza tiene sempre:
a^2 – b^2 = ab – b^2

Raggruppa i termini:
(a + b)(a – b) = b(a – b)

Semplifica l’equazione precedente:
(a + b) = b

Poiché a = b, allora è vero anche:
(b + b) = b

Cioe’:
2b = b

Dividi per b:
2 = 1

Land of Live

Anche conosciuto come Land Of Freedom

Tipo : Live / Ballare
Costo : 2 giri 20€
Sito : http://www.landoflive.it/
Giudizio complessivo : Carino , ma frequentazione non particolarmente stimolante. Spazi sufficenti per fare 4 salti. Serata strana, essendo l’antivigilia di natale. Il gruppo ( Bandido ) ha trasformato in ska particamente qualsiasi cosa. Da Vasco a Bob Marley.

Foto:


Serendipità

Che cavolo vuol dire questo termine assurdo ?

Da wikipedia :

Serendipità è un neologismo ancora poco usato nella lingua italiana mentre è assai più diffuso nel mondo anglosassone. Proviene infatti dal vocabolo inglese serendipity, parola coniata nel 1754 dal letterato Horace Walpole il quale, rimanendo colpito dal racconto dei “Tre principi di Serendippo” di Cristoforo Armeno, ne estrasse un personalissimo principio.

Serendipità è dunque – filosoficamente – lo scoprire una cosa non cercata e imprevista mentre se ne sta cercando un’altra. Ma il termine non indica solo fortuna: per cogliere l’indizio che porterà alla scoperta occorre essere aperti alla ricerca e attenti a riconoscere il valore di esperienze che non corrispondono alle originarie aspettative.

Oltre ad essere spesso indicata come elemento essenziale nell’avanzamento della ricerca scientifica (spesso scoperte importanti avvengono mentre si stava ricercando altro), la serendipità può essere vista anche come atteggiamento, e – come tale – viene praticata consapevolmente più spesso di quanto non si creda. Ad esempio tutte le volte che si smette di arrovellarsi nel ricordare un nome, nella speranza che l’informazione emerga da sé dalla memoria, in realtà ci si sta affidando alla serendipità.

“la serendipità è cercare un ago in un pagliaio e trovarci la figlia del contadino”

Come sono arrivato a questo ? Controllavo le statistiche, ho visto che qualcuno è arrivato qua cercano “Emporio della Birra”, ho verificato lo stato di indicizzazione per questa keyword e ho trovato un blog intitolato “Serendipity” che però non forniva spiegazioni sul proprio nome, quindi mi sono affidato a Wikipedia. Quindi ho scoperto il significato di serendipità usando la serendipità.

Questo mondo è buggato. Ma tanto.

Usabilità nelle newsletter

Prendo spunto da fucinaweb ma non condivido pienamente.

Il discorso iniziale è senz’altro valido. Dopo aver investito tanto in un sito valido, che invoglia l’utente a lasciare i sui dati non si puo perdere tutto con una newsletter fastidiosa. L’utente ha accettato di ricevere delle informazioni da parte nostra e noi non dobbiamo tradire la sua fiducia diventando noiosi, pesanti (sia in senso metaforico che in senso di peso in kilobyte) o criptici (e quindi non fruibili)

Male:

  • Sgrammaticata, e di difficile comprensione: La rete ha un linguaggio suo. Diretto. Vicino alla chiaccherata tra amici. Il “lei” o l’utilizzo di forme inutilmente barocche del linguaggio peggiora solo la fruibilità.
  • Oggetto e/o mittente non significativo: L’oggetto è il biglietto da visita di una newsletter. Come anche il mittente. Devono comunicare il modo chiaro chi sta scrivendo e cosa vuole comunicare. Cose orribili tipo root@localhost come mittente sono assolutamente da abolire.
  • Incongruenza con l’immagine di chi sta scrivendo: sbagliato sia fare una newsletter troppo pacchiana (colori a caso) che troppo seria (solo testo). Una newsletter deve essere identificabile a prima vista come emanazione del sito in cui si è fatta la registrazione, in modo da comprendere in modo inconscio perche arriva quella lettera e che non si tratta di spam.

Bene:

  • Approfondimenti: una newletter non deve essere troppo lunga, ma deve lasciare la possibilità di approfondire alcuni argomenti sul sito.
  • Immagini non vitali: molti client di posta bloccano le immagini che risiedono sul web, una buona newletter deve essere fruibile anche senza queste immagini.
  • Evidenzia le parti piu interessanti: il grassetto è vitale, spesso non si ha tempo di perdere 5-6 minuti leggendo tutto. Un utilizzo attento del grassetto puo creare due versioni sovrapposte. Una “veloce” e una “approfondita”

Giochi di luce



Pagina 1 di 3

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén